loading


La pittura è per sua natura un linguaggio luminoso” – Robert Delaunay

Una sinfonia di colorazioni, tinte, nuance che spaziano dal viola melanzana al verde oliva, dal blu dodger al rosso corsa, combinandosi e dando forma a moduli circolari che riproducono il ritmo inesausto dell’esistenza delle grandi città moderne. Robert Delaunay, l’autore dell’opera Rhythm a cui si ispira la pochette Rainbow Symphony di Orequo, trasferisce lo stile di vita delle metropoli contemporanee: dall’illuminazione elettrica delle strade e dei negozi ai cartelloni pubblicitari, dalla diffusione degli automezzi all’estensione degli spazi urbani. La pittura si libera dai confini posti dalla bidimensionalità per far interagire luce e colore in un ritmo totale.

Nel quadro la città è una sorta di eccitante esperienza sensibile globale in continua trasformazione, che l’artista cerca di fissare in una veste capace di catturare con immediatezza l’attenzione di qualsiasi spettatore. L’orfismo, la corrente artistica di cui fa parte Delaunay, recupera il concetto di simultaneità, che è vita e creazione, e fa del colore e della luce un attributo essenziale alla ricomposizione della sensazione. Così i cerchi concentrici e lo spazio scomposto vengono evidenziati dai toni a contrasto, dai colori che emergono sorprendendo e meravigliando, proprio come accade nelle città moderne, dove i semafori e le insegne creano un gioco di luci e tonalità che si mescolano fra loro, vivaci ed abbaglianti, eccentriche e decise.

Rainbow Symphony è un accessorio che si fa notare, un particolare fresco e frizzante, per un uomo sportivo che non rinuncia ad un tocco di charme. Vitalità e indipendenza sono rivelate attraverso l’ensemble di circonferenze dalle tonalità di colori accesi a contrasto, che formano un movimento rotatorio dal fascino ipnotico. Sul fazzoletto di seta i colori danzano disegnando allegre e leggiadre piroette, quasi come se dalla frenesia della città si voglia trascendere la calma provata della visione di un arcobaleno, con i suoi colori e la sua maestosità.

Share on Linkedin Share on Twitter